• 1.jpg
  • 2.jpg

L'osteria "Ferro di Cavallo" al Cluster BioMediterraneo

Condividi

Milano, 12 Ottobre - Il Cluster BioMediterraneo ha avuto il piacere di ospitare sul palco lo chef Giuseppe Ciminna co-proprietario, insieme al fratello Valerio e al padre Franco, della storica trattoria di famiglia “Ferro di Cavallo”.


L’osteria al Ferro di Cavallo nasce nel 1944, come cucina tipica palermitana sita in via Venezia, nel vecchio centro storico di Palermo. Il fautore di questa attività è stato Giuseppe Ciminna, conosciuto come Pinuzzo che, prima di intraprendere questa attività, lavorava in una fabbrica di cassette di legno che servivano per essere riempite coi prodotti locali, come gli agrumi, che venivano esportati nel Nord Italia. Questo lavoro però, dovette far fronte a una grave crisi a causa della guerra che aveva rovinato e distrutto tutte le strade e le linee ferrate che servivano al trasporto dei prodotti. Pinuzzo, non sopportando l’idea di rimanere con le mani in mano, si propose come garzone a 1000 lire a settimana in un locale e, per arrotondare la paga, iniziò a destreggiarsi in cucina provando qualche cibo cotto come fagioli con sedano, fave con verdura, polpette di sarde, dapprima piatti “poveri”, ora piatti di punta del tradizionale menu dell’osteria.
Oggi l’osteria di terza generazione è stata ristrutturata anche grazie l’aiuto dai figli, seppur avendo mantenuto i suoi tratti rustici. Il menu è stato, col tempo, arricchito con deliziosi manicaretti, ma i piatti di punta restano le pietanze antiche come il bollito di vitello, la caldume in brodo e le polpette di sarde.
Giuseppe si è formato in cucina, tra i fornelli, osservando il padre preparare con grande passione quei piatti che sono parte integrante della loro storia. Sono ormai ventitré anni che Giuseppe di destreggia tra cucina e sala perché per lui, il contatto con la gente fa parte di quella che è da sempre la filosofia dell’osteria.